0

Under14: vs Grumello e vs Cologno

Grumello del Monte – Pedrengo: 47 – 71

Pedrengo – Cologno: 34 – 58

2017-18-Under14-Foto-squadra

 Non c’è due senza…….

 No, purtroppo questa volta non va proprio come il detto.

 Sabato 15 aprile ci siamo presentati in campo un po’ rimaneggiati, cause assenze varie, contro il Grumello Del Monte, la prestazione è stata molto convincente, abbiamo espresso delle belle giocate sia individuali che di gruppo, gestendo in tranquillità la partita. Ricordo che negli incontri precedenti con la stessa compagine lo scarto era stato sempre minimo, + 1 per noi, a dimostrazione del fatto dei progressi che stiamo facendo. Anche difensivamente parlando abbiamo giocato con personalità, in particolare Stefano (Ice), che ha praticamente annullato l’avversario che nei confronti precedenti ci aveva sempre messo in grossa difficoltà.

 Dopo 2 prestazioni positive (Brignano e Grumello) arriva l’ennesima giocata senza concentrazione e convinzione.

 Commentando la partita contro il Cologno è doveroso spaccare l’analisi della partita lato difensivo e lato offensivo. Nel primo, a parte diversi rimbalzi concessi ancora agli avversari sotto canestro, regalando secondi o addirittura terzi tiri, sono abbastanza contento dell’impegno sia tattico che fisico che i ragazzi hanno mostrato, proponendo un progressivo miglioramento. Offensivamente la partita di ieri ha offerto, come detto ai ragazzi a fine partita, uno spettacolo “imbarazzante”. Le idee c’erano, ma solo quelle, testa e concentrazione assenti. E’ successo di tutto, chi palleggiando va addosso ad un compagno perdendo il pallone, passaggi che finiscono sotto le gambe del compagno, canestri canestri e ancora canestri clamorosamente sbagliati (non prendendo neanche il ferro) da 1 metro liberi senza avversario, inaccettabile per un gruppo U14 e inaccettabile per il nostro gruppo, considerando il fatto che da settembre ogni allenamento prevede 30 minuti minimo di esercizi di conclusioni sotto canestro.

 Ciliegina sulla torta, l’atteggiamento ironico avuto a 40” a fine partita, una sostituzione totale di quintetto, annunciato in fase di time out in caso di mancata esecuzione di un modulo di gioco, che invece di scatenare in loro rabbia ha avuto reazione contraria facendoli tornare in panchina scherzando sull’ accaduto, dimostrazione che ieri è mancato qualche cosa, molto probabilmente concentrazione, voglia e consapevolezza che l’avversario era alla nostra portata.

Max

 

 

 

 

 

Facebook

Paul McMartin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *